Elemento 1.1 riabilitato con impianto Prama post-estrattivo con carico immediato

Dott. Roberto Luongo, Bari

 

Una paziente di 26 anni si presentava alla mia osservazione per frattura traumatica dell’elemento 1.1. Viene pianificata una chirurgia implantare protesicamente guidata, tenendo conto della posizione finale dell’elemento dentario, in prospettiva di un contestuale trattamento ortodontico con allineatori rimovibili. Il dente veniva estratto in maniera atraumatica ed inserito un impianto Prama RF 4,2 x 13 mm. Contestualmente, veniva prima ispessito il tessuto vestibolarmente mediante un innesto connettivale prelevato dalla tuberosità mascellare, dopo essere stato privato della componente epiteliale, quindi inserito tra impianto e teca ossea vestibolare un innesto osseo particolato di origine suina. Infine, si procedeva ad inserimento di un provvisorio a carico immediato non funzionale avvitato.
Dopo 6 mesi, veniva presa un’impronta ottica (Carestream 3600) e realizzata corona definitiva avvitata in zirconia. Dalla tc cone beam ad 1 anno dall’estrazione risulta evidente la rigenerazione ossea fino al collo anodizzato di Prama.

Bollino_NEW_casi_sito_prama.png
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Situazione clinica iniziale

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Dettaglio della situazione clinica iniziale

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Frattura traumatica dell’elemento 1.1

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Estrazione dell’elemento fratturato

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Pianificazione della chirurgia protesicamente guidata

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Impianto inserito nell’alveolo post-estrattivo

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Contestualmente all’inserimento implantare viene prelevato un innesto di connettivo dalla tuberosità mascellare

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Il gap viene riempito con un innesto osseo particolato di origine suina

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Posizionamento immediato della corona provvisoria

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Controllo radiografico contestuale al posizionamento della corona provvisoria

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Follow up clinico a 3 mesi

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Follow up clinico a 6 mesi

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Dettaglio occlusale della guarigione dopo 6 mesi

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Presa d’impronta ottica con scanner intraorale

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Posizionamento della corona definitiva in zirconia avvitata

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Sorriso finale

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Controllo radiografico a 1 anno

Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo
Foto per gentile concessione: Dott. Roberto Loungo

Controllo radiografico a 1 anno