Prama e riabilitazione singola in zona estetica con chirurgia guidata

Dott. Luigi Canullo, Odt. Fabio Marinotti, Roma

Il paziente, di 48 anni, si presenta all’osservazione clinica con frattura verticale dell’elemento 1.1. 
Viene eseguita l’estrazione del dente e l’alveolo viene lasciato guarire attuando una socket preservation con idrossiapatite protetta da un innesto epitelio-connettivale. Si pianifica la chirurgia guidata per la riabilitazione dell’elemento con un impianto Prama, prevedendo l’apertura del lembo al fine di avere una maggiore quantità di tessuto molle da poter gestire per massimizzare l’estetica.  Questo passaggio rende possibile anche l’eliminazione del particolato fibrointegratosi nel tessuto molle, prima della chiusura del lembo: in questo modo si evita il lungo processo di espulsione fisiologica che talvolta può risultare fastidioso per il paziente. Il profilo di emergenza ottenuto con il provvisorio viene duplicato con una colatura in silicone, che permetterà di applicare al transfer una lettura in resina molto precisa, al fine di trasferire su modello tutte le informazioni estetiche. Dal punto di vista della scelta protesica si opta per un pilastro in zirconia con una corona in ceramica feldspatica: per questo motivo il profilo dell’abutment sul collo dell’impianto è a finire, ma viene creata una spalla di appoggio per la corona, in modo da rendere più solida l’interfaccia tra i due materiali.  Il peculiare collo di Prama ha permesso una gestione ottimale dei tessuti molli e un ripristino dell’estetica tissutale di elevata qualità.

“Nei settori anteriori il collo convergente Prama permette di incrementare lo spessore dei tessuti molli e modellarli per riprodurre alla perfezione l’estetica.”

cit. Dott. Luigi Canullo
 

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Situazione clinica iniziale.

Foto per gentile concessione: Dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: Dott. Luigi Canullo

La radiografia endorale evidenzia la frattura verticale dell’elemento 1.1.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Estrazione dell’elemento fratturato.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Innesto di idrossiapatite.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.

Posizionamento di un tappo di collagene.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Posizionamento di un innesto epitelio-connettivale e sutura.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Guarigione dell’alveolo a 3 mesi.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Inserimento dell’impianto Prama 3.8 x 13 mm in chirurgia guidata.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Impianto inserito con transmucosa di guarigione avvitata e lembo ripulito dall’idrossiapatite fibrointegrata, riposizionato e suturato.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Collocazione del pilastro provvisorio per carico immediato.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Modellazione del provvisorio in bocca per ottenere la corretta forma del margine vestibolare.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Fase di definizione finale dei margini gengivali.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Dopo che il provvisorio in resina è stato duplicato per mezzo di una colatura in silicone, dallo stampo si rimuovono la corona provvisoria e il pilastro e si monta il transfer. La base dello spazio lasciato dalla corona viene riempita di resina, per avere un’impronta del margine condizionato dal provvisorio estremamente precisa.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Fase di impronta e modello.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Fase di impronta e modello.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Progettazione CAD-CAM del pilastro in zirconia.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Progettazione CAD-CAM del pilastro in zirconia.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.

Abutment in zirconio in fase di inserimento sul modello: il profilo è perfettamente congruente con quello dei tessuti molli letti al momento dell’impronta.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.

Relazione tra l’abutment in zirconio e la corona in ceramica feldspatica. Il profilo dell’abutment è a finire, soprattutto nell’aspetto vestibolare, ma è stato ricreata una spalla di appoggio per la corona, in modo da rendere più solida l’interfaccia tra i due materiali.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Manufatto protesico definitivo.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Dettaglio occlusale e laterale a 1 anno: si può apprezzare la vascolarizzazione perimplantare e l’incremento di volumi tissutali.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo.

Radiografia di controllo a 1 anno.

Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo
Foto per gentile concessione: dott. Luigi Canullo

Confronto clinico tra la situazione di partenza e la riabilitazione a 1 anno.